Tu sei qui

RO-BOTH: UNA LEZIONE PER CONOSCERE ROBI

Nella seconda delle Lezioni aperte dell’ISIS Magrini Marchetti il prof. Stefano Snidero ci ha introdotti nel complesso mondo della robotica.
L’illustrazione dei componenti e della struttura delle macchine utilizzate nella robotica avanzata - applicazioni domestiche ma anche strumentazioni usate in campo medico - e nella robotica industriale ha permesso di cogliere gli incredibili progressi raggiunti in questo campo. La riflessione sulle implicazioni del "machine learning" e dell'insieme di tecniche e metodologie che regolano l'intelligenza artificiale ha evidenziato che si è alla vigilia di una straordinaria rivoluzione dalle implicazioni non ancora pienamente immaginabili.
È stata però la seconda parte dell’intervento ad avvincere completamente il pubblico, quando il relatore ha presentato ROBI, o meglio gli ha dato il compito di presentarsi. Robi è infatti il nome che Snidero ha assegnato al suo robottino, realizzato assemblando i vari pezzi del modello progettato da un ingegnere giapponese, lo stesso modello del primo robot umanoide portato nello spazio. Con i suoi 20 motori, di cui 3 nella testa, e grazie ai sensori visivi ed uditivi di cui è dotato, Robi è in grado di compiere numerose funzioni con un movimento fluido e uniforme, ben diverso da quello da quello che generalmente immaginiamo proprio dei robot, ed è persino in grado di fare le flessioni, ballare e cantare!

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.